Recensioni,  Storici e Biopic

Ferrari: il motore è un cuore pulsante nel nuovo film di Michael Mann

Ferrari, il nuovo film di Michael Mann, è una poderosa incursione nella vita di Enzo Ferrari.
Ferrari esplora il delicato equilibrio tra la passione per la pista, l’amore per la famiglia e la lotta per la sopravvivenza dell’azienda, con la forza di essere non solo un biopic, ma una storia sospesa tra l’amore e la morte, tra il successo e il baratro nel turbolento mondo delle corse automobilistiche degli anni ’50.

Adam Driver, nella sua straordinaria interpretazione di Enzo Ferrari, riesce a catturare la complessità e le contraddizioni dell’uomo dietro al mito. La straordinaria accuratezza nel ricreare gli incidenti in pista e la tragedia di Guidizzolo durante le Mille Miglia dimostrano una maniacalità che caratterizza il suo stile cinematografico. Il suono dei motori diventa un elemento ricorrente, trasmettendo l’energia e la potenza di quel mondo.

La scelta di concentrarsi sull’uomo Enzo Ferrari piuttosto che sul mito dimostra la maestria di Mann nel raccontare storie complesse. La performance di Penélope Cruz come Laura, la moglie di Enzo, e di Shailene Woodley nei panni di Lina Lardi, aggiunge profondità e tridimensionalità al film.

Sebbene la scelta di utilizzare l’inglese e attori internazionali possa risultare straniante per il pubblico italiano, Mann riesce a superare questo ostacolo con la sua regia magistrale. 

Le scene delle corse automobilistiche sono spettacolari, con immagini notturne della Mille Miglia che lasciano a bocca aperta. In conclusione, “Ferrari” non è solo un film sulla storia delle corse automobilistiche degli anni ’50, ma un ritratto intenso e appassionante di un uomo che ha vissuto sull’orlo della tragedia e del trionfo. 

Con la sua maestria tecnica e le performance straordinarie del cast, Mann ha consegnato un film che lascerà il segno, proprio come le leggende automobilistiche italiane che rappresenta.

Ferrari uscirà il 14 dicembre nelle sale italiane, distribuito da 01 Distribution 

Recensione a cura di: Simone Mazzotta 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *