Celebrity,  Curiosità,  Film internazionali,  News

Hollywood in ginocchio, i grandi registi fanno appello al Governo: il cinema non sopravvivrà al Covid

James Cameron, Clint Eastwood, Martin Scorsese sono solo alcuni dei 70 registi che hanno firmato una lettera indirizzata al Governo americano per la drammatica situazione in cui si trova il cinema a causa della pandemia globale.

Un appello per chiedere fondi e finanziamenti per l’industria del cinema, che si trova in difficoltà estrema. Come spiega Movieplayer, la lettera è stata firmata da registi e produttori insieme alla National Association of Theatre Owners, la Directors Guild of America e la Motion Picture Association.

La pandemia da Coronavirus ha costretto le grandi catene cinematografiche a chiudere i battenti durante il lockdown, e nonostante le riaperture (molto moderate negli USA a causa della diffusione del virus), la crisi è tutt’altro che scongiurata.

Nelle grandi metropoli come New York o Los Angeles la maggior parte delle sale non possono riaprire, e le conseguenze in termini di incassi per gli esercenti, i distributori e l’intera filiera della produzione cinematografica è impressionante. L’industria americana del cinema, e di conseguenza quella globale, è letteralmente in ginocchio. 

Come sappiamo i grandi Blockbuster destinati ad incassi da capogiro sono stati spostati al 2021, tra cui le pellicole Marvel e Warner Bros. La lettera specifica che il 69% delle catene cinematografiche probabilmente dovrà dichiarare bancarotta, un numero che fa rabbrividire l’industria di Hollywood.

Che ne pensate? 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.