Commedie,  Recensioni

Fantozzi: quell’immenso tributo alla vita di noi Merdacce

Il Ragionier Ugo Fantozzi ci ha fatto ridere fin dal primo momento in cui è apparso sullo schermo, e mai come in questo caso ridendo di lui ridevamo di noi. Fantozzi non è solo un personaggio, ma uno stato mentale. Fantozziano è diventato ogni genuflessione che nella vita ci troviamo a fare per tirare avanti, fantozziano è il nostro correre per un autobus o un meeting con il megadirettore galattico della nostra azienda.

Con una capacità interpretativa che sfiora il cartone animato, Paolo Villaggio con il suo personaggio racconta la vita dell’italiano medio in decenni in cui la classe impiegatizia era la principale fascia del Paese, e dunque di milioni di noi.

È un poetico tributo alla “mediocrità”, all’esistenza normale di noi merdacce. In questa sua servile esistenza, Fantocci si eleva. Quando vediamo l’umanità che lo circonda, ovvero gli altri impiegati, Fantocci con la sua consapevolezza di un’esistenza mediocre appare più saggio e dignitoso degli altri. E persino la Pina, o la signorina Silvani, manifestano la loro “stima” per lo sfortunato marito o amante.

Paolo Villaggio nel ruolo di Fantozzi

È un personaggio dolce e amaro che rimarrà per sempre tra le più grandi figure del cinema, accanto a Charlie Chaplin o a Totó. Caricature che rendono più allegra la nostra esistenza, ma che strappandoci un sorriso ci fanno specchiare nelle nostre esistenze, facendoci sentire più vicini gli uni agli altri.

Ci manchi, Fantocci. Ci manchi, Paolo.

7 commenti

  • grandsky.jp

    Someone necessarily assist to make significantly articles I would
    state. That is the very first time I frequented your website page and so far?

    I amazed with the analysis you made to make this particular publish amazing.
    Excellent task!

  • so g

    I am not sure where you’re getting your information, but great topic.
    I needs to spend some time learning much more or understanding more.

    Thanks for excellent information I was looking for this information for my mission.

  • first g

    First of all I want to say wonderful blog! I had a quick question that I’d like to ask if
    you do not mind. I was interested to find out how you center yourself and clear your
    head before writing. I’ve had a tough time clearing my thoughts in getting my ideas
    out. I do enjoy writing but it just seems like the first 10
    to 15 minutes are generally wasted just trying to figure out how to
    begin. Any recommendations or tips? Thank you!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.